immagine macchina da scrivere

GLI ANGELI POSSONO AVERE TRE ZAMPE

Scritto da Stefano Cecchi . pubblicato in Buongiorno Nazione

thumb_medium-2118112

 

Owen Howkins è un bimbo di 7 anni colpito da una malattia che lo semiparalizza, la sindrome di Schwartz-Jampel. Le malattie sono sempre dolore, quando colpiscono i bambini sono pure vigliacche. Vergognandosi del suo aspetto e spaventato dal rifiuto dei “normali”, Owen si era dunque segregato in casa, come fanno i vecchi malati. Lui,  però, senza aver mai vissuto. Finchè la sua famiglia non ha adottato un grosso cane. Non un animale qualsiasi, ma  Haatchi, un cane con sole tre zampe, abbandonato e sopravvissuto dopo esser stato legato sui binari del treno da alcuni teppisti. L’uomo, sì, sa fare anche questo. Fra i due è però subito scattato un affetto profondo, come succede a chi si sente rifiutato e trova un suo simile. Così uno ha fatto da stampella all’altro.  E Owen ha improvvisamente  ritrovato il sorriso e «l’orgoglio di uscire e mostrare a tutti il suo amico meraviglioso a tre zampe», come raccontano felici i genitori. Certo, sarebbe forse troppo dire che i due hanno ritrovato ciò che potremmo chiamare “normalità”, ma la serenità, quietso sì, Owen e Haatchi l’hanno ritrovata, basta guardare le loro meravigliose foto insieme per capirlo. Magari ai cuori briatori questa parrà una piccola storia stupida senza senso. A me pare invece che ribadisca fragorosamente come a salvare questo Mondo non sarà né la Bellezza né il Potere ma la Tenerezza.

La Nazione19 febbraio 2014

Trackback dal tuo sito.