immagine macchina da scrivere

LA DUNA E I FALO’

Scritto da Stefano Cecchi . pubblicato in Buongiorno Nazione

duna

 

Questo è il giorno della rivincita per coloro (come chi scrive) hanno avuto l’ardimento nel passato di comprare una Fiat Duna. L’auto più simile a una catapulta mai prodotta nella storia della locomozione è stata infatti inserita dall’Aci nella lista delle «auto storiche» e ora dovrà essere tutelata come una Bugatti. Una rivincita postuma ma meritata per noi dunisti. Avere quell’auto negli anni della gioventù è stata infatti una scuola sulle difficoltà della vita: o provate voi a far colpo sulle ragazze con quella rivisitazione su ruote di un romaiolo, mentre gli altri arrivavano al bar su Bmw spider o Maggiolini cabrio. La Duna è stata il destriero dei Parsifal del ’900. E questa rivalutazione è un segnale di speranza: se ce l’ha fatta la Duna, magari in futuro qualcuno ascolterà pure un cd di Apicella, leggerà un libro di Mughini e seguirà un programma con Lorena Bianchetti. Anche se, a pensarci bene, costoro hanno molta meno grazia della mia vecchia Duna grigio cimurro metalizzato.

 

La Nazione _ 16 novembre 2013

Trackback dal tuo sito.