immagine macchina da scrivere

L’AMBASCIATORE CHE PORTA PENA

Scritto da Stefano Cecchi . pubblicato in Buongiorno Nazione

 

emanuele-filiberto-pechino-express-conduttore

Dunque Emanuele Filiberto di Savoia, quello che non voleva tornare in Italia per non atterrare nell’aeroporto del figlio di Ciampi, è stato nominato «Ambasciatore di Pompei nel Mondo» per promuovere la città all’estero. «Ecco perché alcune vittime le hanno trovate abbracciate», ha ipotizzato uno alla notizia, mentre altri non si sono stupiti della scelta fatta dal sindaco di Pompei («La sua famiglia da sempre rappresenta le rovine d’Italia) e altri ancora hanno ostentato indifferenza («Dai, sono gli ultimi giorni»). Certo, sotto alcuni aspetti davvero nessuno meglio del nostro Savoia junior può rappresentare com’è messa la cultura in Italia. Ma proprio per questo, all’idea che uno dei nostri patrimoni artistici più meravigliosi abbia come ambasciatore uno la cui lettura più interessante pare sia stata il manuale d’uso del Porsche Cayenne, fa restare pietrificati. Noi più che Pompei.

La Nazione26 novembre 2013

 

Trackback dal tuo sito.