immagine macchina da scrivere

Violitudine

violitudineTifare Fiorentina è come iscriversi a un corso serale sulla malinconia. Abbiamo passato domeniche a inseguire un cross di Carnasciali o un gol di Sauro Fattori, sapendo che in ciò c’era una grandezza nascosta: quella di tifare innamorati di una bandiera e non di una promessa di vittoria. Certo, sapendo che il Potere sta da un’altra parte, possiamo credere all’impossibile (il terzo scudetto) ma mai all’improbabile (che un arbitro ci avvantaggi con una squadra a strisce). Ma proprio per questo ci sentiamo dei vincitori nella vita, appartenendo alla categoria dei sognatori contagiati solo dalla contabilità del cuore. La nostra grandezza, appunto. Andatelo a spiegare a Montolivo e Jovetic.

“Violitudine” è il nuovo libro di Stefano Cecchi dedicato alla Fiorentina. Una sorta di manuale d’amore per cuori viola, che ripercorre le tappe di come si viene contagiati dalla “febbre gigliata”, una malattia buona dalla quale gli affetti tutto vogliono tranne che guarire. E dunque si racconta della prima volta alla stadio a tifare Fiorentina, dei riti domenicali del tifoso, del perchè la Juventus è la nemica principale, ricordando i grandi campioni che hanno vestito la maglia viola, da Antognoni a Borja Valero passando per Baggio e Batistuta, ma anche gli eroi minori (da Tendi a Pagliari passando per Papa Waigo e Beppe Iachini) che con un loro gesto unico, o uno slancio di generosità, hanno edificato per sempre una cappella votiva nei cuori sensibili di tutti i contagiati dalla “Violitudine”.

Pubblicato da Effequ, il libro dal 2 dicembre è in vendita nelle migliori librerie della Toscana.

Commenti (7)

  • CINZIA

    |

    Carissimo Stefano,
    avevo comprato il tuo libro per regalarlo a mio suocero che è un tifoso accanito da sempre ma la curiosità ha avuto il sopravvento e ne ho comprato una copia anche per me e in quattro e quattr’otto me lo sono letto.
    Una domanda però: hai parlato di tanti campioni di ieri e di oggi ma sicuramente ne hai dimenticato uno Luca Toni o meglio lo hai solo appena rammentato velocemente parlando di altro. Come mai?
    Un caro saluto da una vecchia tifosa che quando era una ragazzina aveva il Ciao bianco e viola con la storica scritta: meglio secondi che ladri!!!

    Rispondi

  • Silvia

    |

    Carissimo Stefano ho finito ora di leggere il tuo libro “violitudine” che mi ha regalato il mio fidanzato visto che sa che sono malata di fiorentina. Questo libro e’ fantastico tutto scritto nel minimo dettaglio scorre molto bene.. Ma.. Hai parlato di compper, facundo.. E hai lasciato indietro il mio mito.. Adrian Mutu!!!! Non me lo aspettavo. Ti perdono ma volevo fartelo sapere, se ne avessi parlato per il mio modico parere avresti dato quell’1% che manca al libro per arrivare a 100!! Saluto con affetto silvia

    Rispondi

  • Francesco Ranfagni

    |

    Belllissimo!!!!!!!!!!………degno di noi tifosi viola!!!!….

    Rispondi

  • stefano cecchi

    |

    Sicuramente da feltrinelli a firenze in via cerretani oppure alla mondadori di prato dietro piazza duomo oppure via web ai siti feltrinelli.it o ibs.it. un abbraccio

    Rispondi

  • massimo

    |

    Non riesco a trovarlo, mi potresti dire per favore dove lo posso trovare? Grazie. Abito a Sesto Fiorentino.

    Rispondi

  • Stefano Cecchi

    |

    Dipende da dove abiti. Se me lo fai sapere te lo indico….

    Rispondi

  • Leonardo

    |

    Non riesco a trovarlo.. dove è possibile acquistarlo ?

    Rispondi

Lascia un commento